Attenzione alla privacy e strategie di marketing efficaci

Negli ultimi tempi il modo in cui si ragiona su dati e privacy è profondamente cambiato. Sempre di più, le persone desiderano prendere il controllo sul trattamento delle loro informazioni personali. Lo dimostra un dato: nel 2018 negli Stati Uniti l’interesse di ricerca per “le mie attività (ossia, la pagina dove è possibile gestire le informazioni salvate negli account Google – cronologia di navigazione e cache) è aumentato di 6 volte rispetto al 2016.

privacy policy
 

A questo dato si aggiunge un aumento progressivo del proprio account Google per aggiornare le impostazioni sulla privacy. Questa tendenza ha indotto il GDPR a ripensare alle modalità di raccolta ed utilizzo dei dati personali degli utenti. Lo stesso vale per i browser. Safari, ad esempio, ha aggiornato la sua funzionalità di Intelligent Tracking Prevention (ITP 2.0), volta a bloccare i cookie di terze parti.

Che impatto hanno avuto le modifiche apportate ai browser? Come impattano nel marketing digitale delle aziende?

  • Il grado di personalizzazione degli annunci diminuisce: i cookie sono utilizzati spessissimo per mostrare gli annunci pubblicitari digitali agli utenti, in base ai siti che hanno visitato, alle ricerche effettuate sui motori di ricerca e al loro comportamento storico. Il loro bloccaggio limita la personalizzazione degli annunci, perchè non è possibile recuperare queste informazioni e presentare agli utenti gli annunci per loro più utili ed interessanti
  • Le conversioni vengono conteggiate per difetto: bloccando i cookie, è impossibile conteggiare le conversioni view-through e cross-device. Questo accade, ad esempio, quando un utente clicca su un annuncio da uno smartphone e conclude la conversione su un pc. Se i cookie sono bloccati, questa conversione non viene conteggiata.
  • Le metodologie di misurazione sono più difficili: l’impatto dei brand, i modelli di attribuzione e i testi di holdback si basano sulle informazioni acquisite sui cookie che, bloccati, non consentono una corretta misurazione dei dati.

L'importanza della privacy e le soluzioni per le aziende

L'attenzione verso la privacy degli utenti non è una tematica recente. Da tempo le aziende più lungimiranti hanno attivato strategie di marketing responsabili, basate sulla trasparenza del trattamento dei dati degli utenti, in modo da trasformare la preoccupazione degli utenti in un'occasione per informarli, rassicurarli e fidelizzarli.

Una strategia di marketing responsabile si traduce in:

  • Maggiore trasparenza: chiedere il consenso in modo esplicito e offrire all'utente la possibilità di scegliere il tipo di esperienza che desidera avere con un brand sono due esempi concreti di come un'azienda può adottare per rendere trasparente il trattamento dei dati dei suoi utenti
  • Valutazione delle modalità di raccolta dei dati: le aziende, assieme ai loro responsabili marketing, possono elaborare un metodo personalizzato per raccogliere i dati degli utenti
  • Rispetto della privacy: durante la gestione dei dati dei clienti, è necessario tutelarne la privacy, basandosi anche sull'adozione di tecnologie cloud, che dispongono di funzionalità di protezione integrate (es. crittografia dei dati).

Per concludere, l'attenzione degli utenti verso la tutela dei propri dati è legittima. La sfida delle aziende è quella di cogliere quest'opportunità per ottimizzare la strategia di marketing in atto, attraverso azioni più responsabili e trasparenti. Se desideri approfondire con noi queste tematiche, contattaci o chiamaci!

 

Fonte: Think with Google

 

Ilaria Boschetto

(Linkedin)

 

Leggi anche

 

 

 

 

Condividi su:

Facebook LinkedIn Twitter