Call to action che funzionano: una panoramica

Uno degli obiettivi principali di un esperto di marketing digitale (e forse il più importante) è questo: trovare la CTA che converte, che arriva dritto al cuore della questione e che stimola chi la riceve a convertire.

Che cos’è la CTA? Che tipi di CTA vengono usate maggiormente nel web marketing? Come la si deve strutturare per avere successo? In questo post, forniremo una panoramica a tutti coloro che desiderano saperne di più!

call to action
 

Call to ation: cos'è

La Call to action (abbreviata, CTA) è un’invito all’azione, ossia una frase (solitamente inserita in un pulsante) utilizzata per chiudere un articolo, un post social, un annuncio, una landing page e che serve per far in modo che la persona che sta leggendo quel contenuto ( = target) compia l’obiettivo per cui quel contenuto è stato creato. Si tratta di una strategia finalizzata a generare una conversione. Di che tipo? Infinite. Facciamo qualche esempio:

  • download di app o documenti informativi/promozionali, codici sconto, ecc.
  • vendita di un prodotto o un servizio, online o offline
  • prenotazioni di appuntamenti, demo, consulenze gratuite, ecc.
  • iscrizione ad una newsletter
  • lead generation, ossia la compilazione di una form di contatto contenente dei dati dell’utente utili a profilarlo nel database aziendale e poter iniziare a inviargli comunicazioni successive
  • richiesta informazioni su un prodotto o servizio

 

CTA perfetta: alcune dritte pratiche

In primis, affinché una CTA sia efficace deve poter essere trovata facilmente da chi legge, senza sforzo. “Nasconderla” all’interno di una frase, senza utilizzare colori e grafiche attraenti, diminuirà l’efficacia della CTA.

Una CTA efficace sa comunicare esattamente l’invito all’azione giusto. Se, ad esempio, l’obiettivo di una call to action è quella di invitare a fare il download, chi legge deve essere messo nella condizione di capire immediatamente che, quando cliccherà sul pulsante contenente la CTA, si avvierà il download. CTA poco chiare rischiano di non essere capite, o peggio, fraintese. Non c’è niente di peggio che disattendere le aspettative del target.

Una buona CTA deve essere progettata in modo che la sua posizione, il suo design e il copy contribuiscano in modo omogeneo a stimolare l’attenzione di chi legge.

Molto spesso, le CTA con una grafica accattivante e di qualità ha più probabilità di suscitare l’attenzione del lettore, spesso anche facendo leva sull’utilizzo di icone, che esplicitano l’obiettivo di quella CTA (es. il carrello in un pulsante che ha l’obiettivo di vendere qualcosa).

Font, colori, grandezze del carattere devono essere coerenti con il resto del layout presente nel contesto in cui la CTA viene inserita, altrimenti il rischio è quello di fare l’effetto contrario e far sembrare il pulsante “fuori luogo”.

A fianco alla grafica, essenziale è il copy, che dovrebbe essere incisivo e conciso, focalizzato sull’azione da compiere. Essere molto specifico, ma stimolare la curiosità del lettore. Una CTA efficace tiene conto dei benefici che quell’azione porterà a chi la porterà a termine e fa spesso leva sull’urgenza (offerte lampo, disponibilità limitata, fino ad esaurimento scorte, solo per fare qualche esempio).

Ricapitolando: una CTA, per essere efficace, deve rispondere ad un messaggio chiaro, utilizzare una grafica appropriata, un copy incisivo e deve essere posizionata correttamente, per garantire che chiunque la possa trovare facilmente.

 

Riuscire a centrare tutti questi requisiti tramite il fai da te è come comprare un biglietto della lotteria: difficilmente centra l’obiettivo. La strategia giusta sta nel rivolgersi a dei professionisti, che siano in grado di elaborare una strategia di comunicazione vincente, coerente e capace di portare al risultato. Se sei alla ricerca di un supporto, contattaci pure! Saremo felici di mettere a tua disposizione tutte le nostre energie!

 

 

Leggi anche

 

 

Condividi su:

Facebook LinkedIn Twitter