Come rendere effiaci i post organici sui social network

No money, no party, per farla breve.

Per vivere, i social network hanno bisogno di due cose: contenuti e denaro. E le tendenze confermano questo binomio: le pagine con post sponsorizzati e contenuti pubblicitari hanno un rendimento migliore rispetto alle pagine che contengono esclusivamente contenuti organici. Del resto, sono proprio i social network stessi ad incentivare questo sistema e tendono progressivamente a ridurre il rendimento dei contenuti organici in favore dei post pubblicitari. E questa tendenza è comprensibile. Facebook, Linkedin, Instagram e simili sono prima di tutto grandi aziende (Facebook, ad esempio, è anche quotata in borsa) e il tema “fatturato” non è proprio insignificante.

Acquisto di follower, acquisto di like, acquisto di visualizzazioni e via dicendo. I social hanno monetizzato il bisogno di popolarità e di successo dei brand in un modo tanto semplice quanto geniale: se paghi, ti grantisco visibilità, altrimenti resti nel mucchio. È per questo che negli anni la conquista del successo sui social network è diventata, per le aziende, una vera e propria corsa all'oro, avviando campagne advertising come se non ci fosse un domani. Tutto questo, a discapito del contenuto.

C'è chi sostiene che il content non è più king, ma non è proprio vero, soprattutto in un'ottica di lungo periodo. Se la promozione è fine a sè stessa, ossia se non è accompagnata da un contenuto utile e di qualità da proporre ai propri follower, alla lunga la propria pagina social verrà percepita come tutto fumo e niente arrosto. Il contenuto rimane e rimarrà vitale per i social network perchè è la sua essenza. Se non ci fosse più niente da dire, nessuno li utilizzerebbe. Ecco perchè è importante che, a fianco alle campagne advertising, le aziende imparino ad utilizzare in modo strategico i social network, creando un social media plan basato sul contenuto, che nel medio lungo periodo possa contribuire al successo della propria fan page. 

contenuto social network

 

ALCUNE TATTICHE PER RENDERE I CONTENUTI ORGANICI UTILI E STRATEGICI:

Un social media plan davvero efficace si costruisce e si progetta a monte, fissando degli obiettivi social misurabili e allargando la prospettiva verso un orizzonte sufficientemente ampio (es. 6 mesi). Basarsi sul contenuto implica un cambio di rotta totale. Difficilmente si otterranno risultati in breve tempo, ma si costruirà pian piano una reputazione (la cosiddetta online reputation), duratura nel tempo.

Ecco perchè, prendendo spunto dagli imput di Angela Sorbo di ninjamarketing.it, desideriamo riassumere alcuni consigli pratici per iniziare a progettare una strategia social content-based:

  • Predisporre un piano editoriale diversificato, che includa diverse tipologie di contenuto (post promozionali, emozionali, di brand, ecc)
  • Programmare l’uscita dei post in modo periodico e continuativo, in modo da creare una sorta di filone costante
  • Utilizzare post con call to action, per incentivare le persone ad interagire con voi. Lasciare un commento, rispondere ad un sondaggio, scaricare un coupon, visitare il sito web sono degli esempi di micro-azioni veloci che possono aumentare il ranking del post agli occhi del social network in questione
  • Inserire immagini e video nei post, che catturano più facilmente l’attenzione degli utenti
  • Incentivare la conversazione. Più commenti ed interazioni ci sono sulla pagina, maggiore sarà il punteggio assegnato dall’EdgeRank al post e maggiore sarà la sua visibilità
  • Rispondere a messaggi e commenti: i social network sono gli ambienti relazionali e, per instaurare e manternere viva una relazione è fondamentale rispondere (anche con un veloce like) ai commenti e ai messaggi che le persone scrivono sulla pagina
  • Pensare in grande. Facebook, Instagram, Linkedin e gli altri social network non sono compartimenti stagni. La vostra strategia digitale dovrebbe essere multicanale e trasversale
  • Ad ogni social il suo linguaggio: ogni social network ha un proprio linguaggio ed è essenziale poter rivolgersi ai loro utenti adottandolo in pieno. Basta con lo stesso post copiato e incollato su 5 social diversi e largo ad una comunicazione più raffinata, in grado di comunicare messaggi diversi nei linguaggi nativi di ogni social network
  • Restare aggiornati, navigare sui social network, esplorare le tendenze giornaliere del settore. La regola è quella della la stampa, dove il quotidiano di ieri è già carta straccia. I contenuti sono utili ed efficaci solo se sono originali, nuovi, informativi e l'unico modo per comunicare il nuovo è conoscerlo a fondo.

 

Questi piccoli consigli possono aiutare le aziende a gestire meglio la propria presenza social in modo professionale e continuativo. Anche nei periodi dell’anno in cui non vengono attivate campagne advertising sui social network, è importante non abbandonare questi ambienti. Del resto, sui social “pubblico, quindi sono” e fare i latitanti per settimane o mesi può essere fatale per la propria online reputation. Esistono, poi, delle situazioni limbo, ossia aziende che investono in attività di social media marketing senza successo e senza capire il perchè e questo post si rivolge proprio a loro: se vi piacerebbe confrontarvi con noi per avere un parere esterno e per capire come potrebbe migliorare la strategia, contattateci pure! Rispondiamo via mail o via telefono e vi proporremo un incontro nell'arco di due o tre caffè!

 

 

Ilaria Boschetto
(Linkedin)

 

Leggi anche

 

 

 

Condividi su:

Facebook LinkedIn Twitter