Instagram per l’azienda B2B: alcuni consigli

22.3 milioni di iscritti in Italia: sono questi i numeri di Istagram. Il suo tasso di crescita è di gran lunga il più alto di qualsiasi altro social. Il suo livello di engagement è di 58 volte maggiore rispetto a quello di Facebook e 120 volte maggiore di quello di Twitter (fonte: Forrester). In altre parole: su Instagram c’è il mondo... e il mondo è fatto di potenziali clienti.

 

instagram per le aziende b2b

 

 

Quindi a tutte queste domande “ad un’azienda b2b conviene investire su Instagram?Funziona?Riesce a comunicare le organizzazioni che si rivolgono a settori b2b?....la risposta è una: SI.

All’interno di una strategia di comunicazione multichannel, Instagram si rivela estremamente efficace, capace di attirare follower qualificati. Per iniziare ad utilizzare questo social in modo organizzato, bisogna inserire all'interno della propria programmazione alcune dritte e alcune attività che possono concretamente migliorare le performance di marketing. Vediamo le principali.

 

Come fa un’azienda b2b a comunicarsi su Instagram?


Punto 1: Raccontare la propria storia.
Se le persone non conoscono la storia di un’azienda, difficilmente potranno trasformarsi nei suoi clienti. Raccontare le esperienze dei clienti, di quali vantaggi hanno beneficiato grazie all’intervento della tua azienda, spiegare le caratteristiche e le particolarità di un prodotto, raccontare passo passo la quotidianità dell’azienda, la filosofia, la storia,  i traguardi. Questo significa “raccontare la storia di un’azienda”: creare un contatto emotivo con le persone, incentivarle a diventare follower è il passo essenziale per iniziare a muovere i primi passi su Instagram.


Punto 2: Condividere contenuti e news.
Instagram è il luogo perfetto per condividere le ultime novità dei tuoi prodotti, per raccontare la partecipazione ad un evento, per condividere le news pubblicate sul blog e diventa un canale prezioso per promuovere tutte le iniziative dell’azienda. La sua istantaneità permette di raccontare meglio, soprattutto con le immagini, i retroscena di un evento, le fasi di produzione di un articolo, i membri del team, ecc. Gli hashtag consentono di canalizzare il racconto all’interno di un filone di contenuti più o meno grande, accessibile a chiunque sia interessato a quella tematica. Senza dimenticare che, attraverso la condivisione di contenuti pubblicati sul sito web, Instagram diventa una fonte di traffico estremamente preziosa.


Punto 3: Pubblicare video e mini-demo.
Instagram consente agli utenti di pubblicare brevi video, che un’azienda b2b può sfruttare per mostrare i dettagli di un prodotto, una mini-demo di un software, le fasi di lavorazione, i metodi di utilizzo corretto di un articolo, l’anteprima di un evento, i passaggi più salienti di una presentazione, ecc. La creatività e la fantasia sono gli alleati migliori di Instagram.

 

Attenzione alle Instagram Stories

Estremamente interessanti sono le Instagram Stories: foto e video visibili per 24h nella sezione Storie di Instagram. La maggior parte delle aziende b2b le utilizza per mostrare contenuti “behind-the-scenes”, per promuovere la cultura aziendale, per pubblicare i contenuti più informali e divertenti. Un’azienda, infatti, non è fatta solo di prodotti o di servizi, ma soprattutto dalla sua filosofia, dalle sue risorse, dalla sua strategia. Più di altri social, Instagram è il luogo perfetto per comunicare tutto questo, creando un’empatia speciale con i propri follower, considerati non solo come clienti, ma come persone che possono condividere o meno un determinato modo di pensare e di lavorare.

 

Ogni azienda ha una storia, una cultura, un insieme di valori unici, che possono trovare su Instagram il giusto spazio: ti invitiamo per una tazza di caffè e per ipotizzare insieme come tutto questo possa essere inserito all’interno di una strategia comunicativa efficace e organizzata! Scrivici o chiamaci senza impegno!

 

Ilaria Boschetto

(Linkedin)

 

Leggi anche

 

 

 

 

Condividi su:

Facebook LinkedIn Twitter