Realtà aumentata e realtà virtuale per il marketing

Ogni anno i brand e le aziende desiderano rinnovare i propri modi di esprimersi nei confronti dei loro clienti, adottando le soluzioni e i trend tecnologici più innovativi e privi di barriere. In questa prospettiva, quello che dovremo aspettarci per i prossimi anni è l’adozione della realtà aumentata e della realtà virtuale applicata al marketing.

Contrariamente all’opinione comune, realtà virtuale e realtà aumentata non sono sinomini, ma indicano due tecnologie diverse tra loro.

realtà aumentata
 

La realtà virtuale, infatti, è una realtà simulata, un ambiente tridimensionale creato al computer, che può essere esplorato e dov’è possibile interagire tramite dspositivi informatici, che proiettano l’utente in uno scenario così realistico da sembrare vero.

La realtà aumentata è, invece, è un arricchimento della percezione sensoriale umana attraverso informazioni manipolate in modo elettronico, che non sarebbero percepibili con i cinque sensi.

Se la prima immerge l’utente in un mondo ricostruito, la seconda “aumenta” il reale tramite informazioni sofisticate.

 

REALTÀ AUMENTATA, REALTÀ VIRTUALE E MARKETING

 Sono tante le aziendeche hanno già intuito quanto queste due tecnologie possono essere strategiche per migliorare la propria relazione con i propri clienti, dando vita ad un'esperienza immersiva, interattiva e piacevole con il brand.

La casa automobilistica Volvo, per esempio, ha sviluppato uno strumento di realtà virtuale che simula un test drive sull’ultima automobile lanciata sul mercato, in modo da far scoprire al potenziale cliente tutte le caratteristiche dell’auto e l’esperienza di guida restando comodamente seduto sul divano di casa.

Tuttavia, le applicazioni della reatà virtuale sono già alla portata di tutti. Basti pensare alle app video e foto a 360 gradi che i soocial network mettono a disposizione agli utenti, che possono entrare in un mondo reale a lui lontano.

Nel caso della realtà aumentata, le cose sono ancora più semplici perchè non sono necessari strumenti super avanzati per poterla usare, ma basta un semplice smartphone per renderla possibile.

È quello che ha fatto Ikea: con il suo catalogo presente nella sua app di realtà aumentata, l’utente può arredare la propria casa con i mobili acquistabili. La realtà aumentata, però, varca i confini della pubblicità offline: in alcune città europee, inquadrando con lo smartphone dei cartelloni pubblicitari, si scoprono promozioni nascoste.

 

RISVOLTI PRATICI

In un futuro molto vicino, le aziende potranno dare sfogo alla loro creatività e potranno sviluppare nuovi modi per interagire con i propri clienti. Ad esempio, l'utente potrebbe testare un prodotto, entrare in azienda, visualizzare il processo produttivo, capire la vision e i progetti di sviluppo del brand. 

Questa prospettiva si configura come una vera e propria rivoluzione del marketing. Il brand abbatterebbe qualsiasi barriera, diventerebbe parte dell'esperienza delle persone in modi mai visti prima. Se anche tu sei interessato a questi temi, resta in contatto con noi verso la scoperta delle nuove frontiere del marketing digitale!

 

Fonte: insidemarketing.it

 

Ilaria Boschetto

(Linkedin)

 

Leggi anche

 

 

 

 

Condividi su:

Facebook LinkedIn Twitter